Il ritrovo delle Superiori

Ebbene sì, dopo ormai svariati anni di silenzio è giunto il momento di pensare ad un nuovo ritrovo di classe.

I tempi dell’ITIS sono ormai tramontati da tempo ed il diploma ormai è un lontano ricordo (così come non spero sia per l’elettrotecnica che, per fortuna, resta immutabile!!!); noi siamo invecchiati e la spensieratezza di quegli anni forse è stata un pò accantonata ma …. occorre rivedersi per capire come siamo trasformati o meglio …. migliorati!!!

A questo punto si rende necessaria la conferma in modo da poter così anche aggiornare i vostri indirizzi e-mail che la sera del 30/03/2007 alle 20:00 in piazza Saffi consegnerò agli intervenuti che si saranno iscritti commentando questa discussione. Così avremo modo di vedere chi è evoluto e ha un’idea di come funzioni un blog e chi, invece, è rimasto all’età della macchina da scrivere 🙂

E’ necessario che anche chi ha degli impegni si giustifichi perché altrimenti quella sera verrà sputtanato e ci vendicheremo in massa 🙂

Mi raccomando … cerchiamo di ricomporci al completo…. magari escluderemo in via eccezionale gli espatriati.
La nostra annata la trovate quì

Per completezza faccio l’appello …. mi raccomando!!!!

Elettrotecnica B

Agresti Fabrizio
Bondi Stefano
Castiglioni Piero
Fabbri Andrea
Fantuzzi Alessandro
Fiori Luigi
Galeotti Alessandro
Giovannetti Alessandro
Giunchi Romeo
Leonardi Emiliano
Lombardi Stefano
Monti Maurizio
Morgantini Luca
Nannetti Fulvio
Nati Roberto
Petrucci Stefano
Ricci Gilberto
Rossi Cristian
Sternini Remo
Valbonesi Cristian

Saluti radiosi

Buon compleanno vitamina C

Un amico medico mi ha mandato questo interessante articolo.

Spero inoltre che l’amico medico vorrà aiutarmi nella pubblicazione di qualche articolo che serva a presentare una medicina veramente fantastica quale l’omeopatia a chi magari non crede troppo a questo tipo di cura e che io e la mia famiglia pratichiamo da oramai 7 anni (grazie a lui che ci segue) con grandi soddisfazioni per tutti.

Isolata 75 anni fa, ogni anno nuovi studi ne confermano le grandi potenzialità terapeutiche, persino nella protezione da alcuni tumori

Ha 75 anni e non smette di stupire. Ogni anno centinaia di studi e articoli scientifici ne rivelano nuovi effetti benefici, che ormai spaziano dalla classica prevenzione del raffreddore alla terapia delle malattie cardiovascolari alle proprietà contro l’anemia e il diabete. Stiamo parlando della vitamina C.
Il primo successo di questa piccola molecola fu contro lo scorbuto (da cui il nome scientifico di acido ascorbico), una malattia che colpiva soprattutto i marinai che, durante i lunghi periodi sulle navi, non potevano alimentarsi con cibi freschi e soprattutto non mangiavano sufficienti quantità di frutta e verdura. Nel 1921 il composto antiscorbutico venne denominato vitamina C e nel 1932 venne isolato e cristallizzato da Joseph Svirbely e da Albert Szent-Gyorgyi. Nel 1934 Walter Norman Haworth e Tadeus Reichstein riuscirono a sintetizzare la molecola in laboratorio. Per questo risultato, nel 1937 Haworth vinse il premio Nobel per la chimica.
Della vitamina C conosciamo tante cose: le caratteristiche chimiche, il modo in cui viene assorbita e le malattie che può contribuire a curare. Sappiamo che aiuta a prevenire alcune allergie, che aumenta le difese immunitarie aiutando l’organismo a difendersi dagli attacchi virali, che rafforza ossa e denti e che aiuta la cicatrizzazione delle ferite; conosciamo il suo effetto protettivo sulla mucosa gastrica e l’azione di contrasto nei confronti dei radicali liberi che sono rilasciati, ad esempio, quando si fumano le sigarette. Non basta: questa preziosa sostanza favorisce l’assorbimento di calcio (minerale la cui carenza è causa dell’osteoporosi) e di ferro, indispensabile al nostro organismo ma che viene perduto durante il ciclo mestruale. Nelle donne, poi, la vitamina C è indicata in caso di cistiti ricorrenti (per prevenire le infezioni al tratto urinario) e per diminuire il rischio che, in gravidanza, si sviluppi una forma transitoria di diabete (2-5% dei casi). Pensate a tutto questo e sappiate che sulle potenzialità che può avere dal punto di vista terapeutico c’è ancora molto da fare!
La dose consigliata di vitamina C oscilla tra i 45 e i 60 microgrammi al giorno, ma ci sono studiosi che consigliano di arrivare fino a 9 grammi! La cosa certa è che basterebbero un paio di arance al giorno o, meglio, un paio di kiwi, per assumere la quantità sufficiente a prevenire l’insorgenza di molte malattie croniche; quasi tutte, secondo Linus Pauling, premio Nobel per la Chimica nel 1954. Forse non sarà proprio così, certo è che la vitamina C ha dimostrato di avere effetti positivi nei malati di AIDS, di difendere dagli effetti dell’inquinamento e gli studi più recenti hanno dato risultati promettenti persino per quanto riguarda la protezione da alcuni tumori, in particolare quelli derivati dal fumo.
La vitamina C è contenuta in agrumi, fragole, kiwi, peperoni, cavoli, cavolfiori, pomodori e anche in verdure verdi a foglia come la lattuga o il radicchio. Il problema, però, è che l’acido ascorbico è sensibile all’ossigeno, alla luce e al calore. Cucinare i pomodori, ad esempio, fa diminuire considerevolmente (25-60%) la quantità di vitamine che possiamo assorbire; l’inscatolamento provoca perdite che oscillano dal 50 all’80% nei vegetali (fino al 65% nella frutta) e dal 6 al 30% nei succhi di frutta. Infine, le arance o i kiwi andrebbero mangiati a digiuno, perchè in questo momento l’assorbimento è più facile.
Nel caso l’apporto di vitamina C garantito da una dieta corretta non fosse sufficiente, possono venire in soccorso al nostro organismo i molti integratori esistenti in commercio. Molti continuano a mettere in discussione il loro valore nell’alimentazione e nella salute dell’uomo. Noi vi vogliamo semplicemente ricordare alcune raccomandazioni: affidarsi ai prodotti giusti, non superare le dosi consigliate, seguire sempre il consiglio del proprio medico.

Saluti radiosi

Verbale Comitato mensa del 08/02/2007

Elenco dei presenti: Ghetti Corrado – Milillo Maria Alfonsa – Canestrini Angelo – Agostini Renzo – Amadori Domenica – Bertaccini Paola – Bevoni Roberta – Boattini Alessandra – Calzolari Dino – Castellucci Daniela – Favali Massimo – Giunchi Romeo – Gordini Verdiana – Malpede Mirna – Peron Paola – Rubboli Roberta – Torelli Fabrizio – Venezia Pietro

L’incontro ha inizio verso le 18:40. Si torna sull’argomento “pasto Bio-eco-compatibile” e la responsabile ai Servizi alberghieri Milillo ci spiega lo stato di avanzamento:

  • Posate di acciaio inserite alle scuole elementari grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale che si accolla gli oneri della persona necessaria per la pulizia delle posate stesse (è stato assegnato l’incarico ad una “categoria protetta” creando così una nuova opportunità lavorativa).
  • I piatti e bicchieri in cellulosa (biodegradabili) hanno slittato l’inserimento previsto inizialmente a fine anno 2006, al corrente mese (esattamente lunedì 26/02/07) a causa di alcuni problemi amministrativi ma se ne estenderà il periodo di utilizzo a fine anno 2007 (inizialmente previsti per il corrente anno scolastico).
  • Inoltre a breve si toglierà completamente la plastica negli accessori per la merenda delle scuole materne.

Attualmente sono provenienti da agricoltura biologica i legumi, la frutta e la verdura (che è anche doppiamente bio perché locale), succhi di frutta e yogurt. A proposito dell’indotto locale che si è venuto a creare e che si vorrebbe estendere anche ad altre alimenti gli Assessori Provinciali Bagnara e Riguzzi, che maggiormente si sono spesi per questa causa, a breve dovrebbero disporre di una bozza di nuovo capitolato che preveda e favorisca la scelta di potersi rifornire da produttori locali. Viene poi valutato dal comitato un possibile prosieguo all’attuale progetto di estensione dei prodotti da agricoltura biologica; in quest’ottica Pietro Venezia sottolinea l’importanza di consolidare nel tempo l’attuale metodologia di fornitura della verdura anche al di là dell’attuale sperimentazione; viene lanciata l’idea di acquistare pasta ricavata da cereali coltivati nei terreni confiscati alla mafia (e da agricoltura biologica) e prodotta proprio da queste cooperative tra le quali la più conosciuta è “libera” e il Presidente Ghetti si è detto entusiasta dell’idea.

Viene poi suggerito anche l’inserimento del latte locale che, grazie ad una attenta e approfondita analisi, è stato possibile valutare come consumo medio giornaliero della mensa in circa 50 litri. Pietro Venezia sottolinea come a fronte di un prezzo di circa 0,70 €/l attuale per l’Istituzione viene ritirato dalle centrali del latte ai vari allevatori a circa 0,35€/l (prezzo già di per se insostenibile per le aziende agricole).

Viene anche evidenziato come l’attuale pane (confezionato singolarmente in bustina di plastica traforata) rappresenti una altro inghippo nella via di ridurre i rifiuti di plastica; tra l’altro viene evidenziato come i sacchetti di plastica siano tra le peggiori fonti di morte per soffocamento della fauna marina, in special modo le tartarughe. A questo proposito partirà una sperimentazione per la fornitura di pane non imbustato e a fette di cui poi conosceremo gli esiti al prossimo incontro.

Viene stabilita una possibile tabella di marcia che regoli gli impegni futuri:

  • Consolidamento definitivo su fornitura della verdura locale e da agricoltura biologica e nell’utilizzo di piatti e bicchieri biodegradabili;
  • Analisi costi e disponibilità per inserimento della pasta con ingredienti da agricoltura biologica di “Libera”
  • Analisi costi e disponibilità produttori locali per latte, latticini e formaggi

Le sopra esposte analisi verranno proposte al prossimo ritrovo del comitato mensa in modo da valutare con cognizione di causa gli eventuali maggiori costi per verificarne l’inserimento nell’anno scolastico 2007/2008; la successiva fase, per gli anni a venire, riguarderà anche l’inserimento della carne locale e proveniente da animali allevati con metodi certificati e con alimentazione da agricoltura biologica.

Milillo dà poi agli intervenuti copia di alcuni progetti scolastici che sono o stanno partindo presso le Scuole locali e per i quali l’Istituzione mette a disposizione risorse, trasporti in pullman mentre la Coldiretti metterà a disposizione degli esperti per le formazioni in aula e le Aziende da andare a visitare; spiega anche il recente progetto che ha visto i bambini della materna Giramondo manipolare e creare ottime pietanze a base di ricotta e cocco.

Invita poi tutti i membri del comitato mensa il 20 febbraio prossimo alla Materna Girotondo verso le ore 10:00 per un progetto che vede la partecipazione della stessa Milillo, di Mengozzi (una della Aziende Agricole che forniscono verdura) e di un rappresentante di Hera; progetto volto ad illustrare e sensibilizzare sulla raccolta differenziata mediante una divertente rappresentazione.

Viene poi spiegato che Hera ha già fornito tutto l’occorrente per avviare un compostaggio domestico presso i vari plessi ivi compreso un libretto illustrativo e alcune confezioni di enzimi attuatori. L’intenzione è pertanto quella di avviare questa sperimentazione con la collaborazione di maestre e genitori di alcune classi pilota (che già rientrano in un progetto di questo genere (1^A – 1^C – 1^D) e la maestra Paola si è fatta portavoce di questa iniziativa alle maestre interessate mentre Giunchi Romeo e Paola Peron si sono dati disponibile ad aiutare per la parte pratica.

Giunchi Romeo mette a disposizione anche il blog (www.romeogiunchi.net) dove, nella categoria “Comitato Mensa” si potranno trovare tutti i verbali e chi vuole potrà commentare ed esprimere le proprie opinioni sul lavoro svolto dal comitato mensa in modo da rendere più capillare e diffusa la possibilità di intervenire.

Per l’annuale e periodico corso di formazione ed informazione sono state stabilite le due date dello stesso (Giovedì 17 e giovedì 24 Maggio p.v.); verranno consegnati modelli per l’iscrizione che saranno da restituire entro il 30 di aprile. Sarà invitato ad intervenire almeno in una delle due sere anche il Dott. Antonio De Biase che, quale pediatra di Meldola, conosce ed è già conosciuto da tanti ed è di indubbia professionalità e preparazione nel settore dell’alimentazione.

Milillo mostra, spiega ed illustra l’avvenuta predisposizione di un menù completo giornaliero calcolato in base a quello che i bambini mangiano in mensa per completare, con i pasti consumati a casa, una corretta ed equilibrata alimentazione dei nostri figli stabilendo così anche giuste associazioni alimentari. Questo suddiviso per Nido, Materne, Elementari, Medie (se per caso qualcuno non riesce a leggerli me lo dica che provvedo a inviarglieli nel formato a lui più congeniale)

Si ribadisce che al Nido i bambini ricevono spuntino e pranzo; alle materne spuntino, pranzo e merenda mentre alle scuole elementari e medie solo il pranzo per cui i restanti pasti riportati nel menù sono quelli che potrebbero completare i pasti a casa.

Il menù in questione è completo di grammatura ed apporto calorico e viene deciso dal comitato, per non sprecare carta, di pubblicarlo nel sito internet sopracitato assieme al verbale e fornirlo in copia anche alle maestre dei vari plessi in modo che, chi è interessato, possa in un modo o nell’altro poterne venire in possesso (si rammenta che anche i vari componenti del comitato mensa ne disporranno di copia).

Completata la fase formativa vi è poi l’intenzione di inserire questo menù in una prossima pubblicazione che integrerà il progetto del pasto bio ed eco-compatibile.

Viene infine sollecitata una particolare attenzione e sensibilità alla vicina iniziativa “M’illumino di Meno” che vede il 16 Febbraio c.a. come un giorno in cui prestare particolare attenzione al risparmio energetico ed agli sprechi stessi auspicando una forte adesione collettiva a questa importante iniziativa. Alle 20:30 viene chiuso l’incontro che, come gli altri, si è dimostrato produttivo e foriero di nuove idee.

Saluti radiosi

Banca Etica e la Banca Popolare di Milano

Non dico la sorpresa che ho avuto nell’apprendere, appena fatto un bonifico aggiuntivo per un PAC che abbiamo sottoscritto da un pò con Etica SGR, che la banca Popolare di Milano (banca di appoggio a cui mi era stato richiesto di fare il bonifico) era nella lista delle banche armate.

Finalmente apprendo, dall’ultima mail di Banca Etica, che azioni concrete si stanno delineando e che altrettanto concrete risposte sono arrivate. A me piacciono i fatti quindi aspetto di veder rimuovere il nome di Banca Popolare di Milano dalle Banche armate e solo allora mi adopererò (per quel poco che posso) per fare in modo che anche il mio Comune (dove pago le mie tasse…) si associ a Banca Etica.

Certo è che nell’attesa perlomeno, visto che la nostra amministrazione tanto si professa a favore della pace … potrebbe far propria la campagna sulle tesorerie disarmate!!! come tanti altri comuni hanno abbozzato a fare.

Rammento che si può dare la propria adesione alla campagna contro le armi …io lo feci a suo tempo…

Saluti radiosi

P.s. I Soci di Banca Etica ricordino il prossimo incontro a Cesena!!!

Come è meglio mandare a scuola i bambini.

Visto che a breve ci sarà l’iniziativa bimbimbici (06/05/2007) e ci sarebbe ancora tempo per riuscire ad organizzare qualcosa anche da noi (se andate a vedere nei Comuni che hanno aderito troverete la vicina Forlì) pensavo che anche Meldola potrebbe provare qualcosa.

Indagando un pò in altre realtà mi ritrovo parecchio con quanto ha fatto Reggio Emilia dove esiste sia il bicibus che il piedibus sono convinto che potrebbero essere facilmente importabili anche da noi perchè gli ingredienti ci sono tutti (non mancano pensionati, associazioni di volontariato ed attività commerciali) per me qualche prova si potrebbe fare tranquillamente anche oltre la domenica dei bimbimbici.
Mi trovo quotidianamente a discutere con altri genitori come me che dicono che i rischi al giorno d’oggi sono troppi e che non si può fare altrimenti ma io resto fermo sulla convinzione che i bambini in bicicletta o a piedi nelle nostre strade portino sicurezza e richiedano agli adulti una maggiore attenzione e calma alla guida; molto meglio di tante bande sonore di rallentamento o cartelli o autovelox. Tutti siamo stati bambini e li rispettiamo, o no????

Un’altra interessante iniziativa è quella di Verona dove addirittura hanno redatto un manuale educativo proprio sull’argomento “Vado a scuola da solo“. Insomma degli esempi
ce ne sono tanti … dovremmo solo prendere e copiare un pò … non c’è niente da creare
Infine una osservazione circa Forlì … come vedete il Consigliere Comunale Ronchi ha pubblicato una interessante iniziativa promossa dal Comune e addirittura un Assessore l’ha commentata, quanto darei se anche da noi un qualsiasi assessore commentasse con un suo punto di vista, mi andrebbe bene anche un punto di vista contrario ma …. un commento. Chiedo troppo???
Saluti radiosi

Una bella Storia

Una bellissima storiella che mi ha inviato un amico, un VERO amico che stimo, apprezzo ed ammiro. Una persona ed un medico veramente speciale che tanto ha dato alla mia famiglia e ai suoi conoscenti ed amici.

Grazie Giulio

Un’anziana donna cinese aveva due grandi vasi, ciascuno sospeso  all’estremità di un palo che lei portava sulle spalle.

Uno dei vasi aveva una crepa, mentre l’altro era perfetto, ed era sempre pieno d’acqua alla fine della lunga camminata dal ruscello a casa, mentre quello crepato arrivava mezzo vuoto.

Per due anni interi andò avanti così, con la donna che portava a casa solo un vaso e mezzo d’acqua. Naturalmente, il vaso perfetto era orgoglioso dei propri risultati. Ma il povero vaso crepato si vergognava del proprio difetto, ed era avvilito di saper fare solo la metà di ciò per cui era stato fatto.
Dopo due anni che si rendeva conto del proprio amaro fallimento,  un giorno parlò alla donna lungo il cammino:
“Mi vergogno di me stesso, perché questa crepa nel mio fianco fa sì che l’acqua fuoriesca lungo tutta la strada verso la vostra casa”.

La vecchia sorrise:
“Ti sei accorto che ci sono dei fiori dalla tua parte del sentiero, ma non dalla parte dell’altro vaso? È perché io ho sempre saputo del tuo difetto, perciò ho piantato semi di fiori dal tuo lato del sentiero ed ogni giorno, mentre tornavamo, tu li innaffiavi. Per due anni ho potuto raccogliere quei bei fiori per decorare la tavola. Se tu non fossi stato come sei, non avrei avuto quelle bellezze per ingentilire la casa”.


Ognuno di noi ha il proprio specifico difetto. Ma sono la crepa e il difetto  che ognuno ha a far sì che la nostra convivenza sia interessante e gratificante.

Bisogna prendere ciascuno per quello che è e vedere ciò che c’è di buono in lui.

Saluti radiosi

Resoconto Consiglio Comunale di Meldola del 20 febbraio 2007 – 2^ Parte

Continua dall’articolo precedente

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA RELATIVO AD UN COMPARTO C2 IN VIALE DELLA REPUBBLICA – VIA DELLA RESISTENZA – APPROVAZIONE PROGETTO E SCHEMA DI CONVENZIONE
Si tratta della lottizzazione “Bendi”, siccome l’ODG è già passato in commissione  non se ne dà lettura.
Bandini rileva al Presidente della Commissione che il verbale non riporta informazioni esaurienti, vengono citati chiarimenti richiesti da alcuni capigruppo e non è verbalizzato che tipo di chiarimenti e nemmeno le risposte che sono state date.
Biserni spiega che i chiarimenti erano circa la presenza o meno di richiesta di monetizzazione di spazi di parcheggio e che la risposta è stata negativa. Nell’area sorgeranno villette a schiera e condomini alti non oltre gli 8,50 metri ed in numero complessivo di 30/35 alloggi. Sottolinea come si approvi solo la lottizzazione e non i singoli complessi.
Si sono avuti 12 favorevoli e 2 astenuti (Ghetti e Bandini)

MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSIGLIARE “LA TUA MELDOLA” PER CREAZIONE MAILING LIST FINALIZZATA ALL’INOLTRO DI AVVISI DI CONVOCAZIONE DEL C.C. E COMUNICAZIONI VARIE
Branchetti spiega velocemente l’intenzione e i costi risibili vista la struttura già presente.
Pantoli sottolinea come sia importante continuare anche i consueti mezzi di comunicazione e che questa affianca solo gli stessi.
Viene votata all’unanimità dai presenti!!!

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” PER SPERIMENTAZIONE NEL TERRITORIO MELDOLESE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON IL SISTEMA “PORTA A PORTA”
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Pantoli sottolinea come già nel 2005 si era votata l’intenzione di accellerare il decreto Ronchi che prevedeva anche il porta a porta; presenta un ODG alternativo a quello di rifondazione.
Bandini chiede comunque un periodo di sperimentazione ed un’approfondita analisi economica dei benefici per i cittadini spiegando che se non ci sono ritorni economici non c’è nemmeno interesse.
Fabbri chiede un incontro dei capigruppo per valutare possibili unioni dei due ODG, in poco riescono a trovare le correzioni e il testo finale viene votato all’unanimità.

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” SUL DIRITTO DI AUTODETERMINAZIONE DEL POPOLO VICENTINO SULLA COSTRUZIONE (OSSIA IL RADDOPPIO) DELLA BASE MILITARE DI VICENZA
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Branchetti presenta due emendamenti per appoggiare in particolar modo il referendum tra i cittadini e spiega anche che i cittadini vicentini non sono tutti contro la base bensì sono divisi sulla scelta dell’ampliamento.
Bandini rileva l’ipocrisia della manifestazione contro l’allargamento appoggiata anche da chi sta al governo e appoggia completamente il governo sulla scelta di concedere l’autorizzazione agli americani. Presenta così un proprio ODG
Pantoli presenta anch’esso un ODG su questo argomento
Coveri rivela che la base non era nel programma dell’Unione e lui perlomeno richiederebbe che la base stessa venga passata alla disponibilità di forze europee. Lui ha partecipato alla manifestazione e non ha rilevato clima anti/Prodi e manifesta intenzione di astenersi.
Drudi evidenzia la necessità di rispettare le volontà del Consiglio Comunale Vicentino e, da pacifista, richiede il rispetto della posizione di tutti.
De Socio richiama anche la delicata questione dell’Iran e condanna con forza i centri sociali che hanno simpatizzato con i brigatisti arrestati recentemente. Ribadisce a più riprese che la “Sfilata” non và condannata e nemmeno legittimata
Ghetti ribadisce di stare con gli americani e che voterà  favore dell’ODG di Bandini
Votazioni:
ODG Bandini: 9 voti a favore 2 contrari (Fabbri e Coveri) 1 astenuto (Branchetti)
Emendamenti di Branchetti: 1 a favore 12 contrari e 1 astenuto
ODG Pantoli: 9 faorevoli 3 contrari e 2 astenuti
ODG Fabbri: 3 favorev. 9 contrari e 1 astenuto

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” SULLA ISTITUZIONE DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Drudi  presenta altro ODG in favore della legge attualmente in gestazione proprio su questo aspetto.
Ghetti rileva come l’ODG di Rifondazione preveda un rappresentante degli stranieri in seno al consiglio con diritto di parola e rileva come l’anomalia sia grave proprio perché una possibilità del genere non è data nemmeno ai residenti.
Rifondazione ritira il proprio ed appoggia l’ODG di Drudi
Votazioni 10 favorevoli, 1 contrario (Ghetti) e 1 astenuto (Branchetti)


LEGGE 30/12/2004 N. 311 (LEGGE FINANZIARIA 2005) ART. 1 COMMA 336 E 337: DEFINIZIONE AGEVOLATA PER AGGIORNAMENTO SPONTANEO DEI CLASSAMENTI CATASTALI DIRETTAMENTE DA PARTE DEI CONTRIBUENTI.

Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Fabbri presenta sommariamente e, messo ai voti, si hanno 9 favorevoli

O.D.G. PROPOSTO DAL GRUPPO CONSIGLIARE “CENTRO SINISTRA INSIEME PER MELDOLA” SU – “COSTRUZIONE DELLA PACE” –
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
De Socio illustra la chiara linea di questo governo che ha ritirato le truppe dall’Irak; ha assunto un importante ruolo di pacificazione in Libano; ha richiesto moratoria per la pena di morte  e quindi è implicito e fondamentale un impegno della Giunta in questo senso.
Bandini esorcizza il concetto di pace leggendo un brano che evidenzia alcuni “sott’intesi” pacifisti ed evidenzia la gravità dei rilievi mossi recentemente dai 6 ambasciatori  stranieri nei riguardi della posizione Italiana sull’argomento. In disaccordo sulla linea della maggioranza afferma di restare contrario ad ogni ODG che la stessa propone in cui viene riportata la parola “Pace”.
Fabbri pur apprezzando lo sforzo pacifista dà l’intenzione di astenersi
Pantoli evidenzia come la multilateralità sia un’importante affermazione volta alla pace dei popoli
Votazione: 9 favorevoli – 2 contrari (Ghetti e Bandini)

O.D.G. PROPOSTO DAL GRUPPO CONSIGLIARE “CENTRO SINISTRA INSIEME PER MELDOLA” SU – VALORIZZAZIONE COMMERCIALE E MIGLIORAMENTO ARREDO URBANO DEL CENTRO STORICO –
Zucchi legge l’ODG evidenziando il contributo offerto dalla Regione di circa 180.000€ per la manutenzione del centro storico.
Ghetti e Bandini sottolineano i notevoli disagi vissuti dai commercianti durante ai lavori
Messo in votazione i 10 consiglieri presenti sono tutti a favore

O.D.G. PROPOSTO DAL GRUPPO CONSIGLIARE “CENTRO SINISTRA INSIEME PER MELDOLA” SU  GRAVISSIMI FATTI DI CATANIA –
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Vengono condannati i gravi fatti di Catania apprezzando gli impegni delle società sportive, si ribadisce solidarietà alle forze dell’ordine.
Bandini emenda su alcuni punti l’ODG.
Fabbri condivide l’ODG presentato e chiede un minuto di silenzio in ricordo di Raciti e per le 1200 vittime di infortuni sul lavoro mortali ogni anno; silenzio che viene immediatamente attuato.
Branchetti condivide e riporta l’esempio degli americani che, nei loro stadi, non hanno barriere ne problemi particolari di ordine pubblico; riporta che la violenza là è comunque più diffusa nella vita civile e sociale normale.
Votazioni:
All’emendamento di Bandini si hanno due favorevoli, 10 contrari e 1 astenuto
All’ODG tutti favorevoli

Alle 02:40 si chiudono i lavori del Consiglio …

Saluti radiosi

Resoconto Consiglio Comunale di Meldola del 20 febbraio 2007 – 1^ Parte

Con doverosa premessa e consiglio di leggere il precedente post che spiega le mie intenzioni preciso che l’ordine del giorno del Consiglio di cui al titolo lo trovate quì

Assenti all’Assise sono Fabbrica Gabriele e Pasini Giovanni
Si parte attorno alle 08:50 con alcune interpellanze, sinteticamente:
Bandini: Ultimamente la Polizia Municipale non era presente a due funerali per il normale servizio di accompagnamento; inoltre nella locale sede dei Vigili Urbani manca un fax. Inoltre si fa portavoce della segnalazione della Pro-loco locale circa l’assenza di spazio dedicato sul giornale predisposto dall’amministrazione e che arriva nelle case di ogni cittadino.
Fabbri richiede chiarimenti circa i recenti articoli apparsi nella stampa un trasferimento di un deposito bituminoso dall’aereoporto di Forlì alla frazione S.Colombano; il sindaco tranquillizza circa l’intenzione di non autorizzare tale installazione.
Branchetti esprime perplessità circa l’accordo tra il Comune di Meldola e la famiglia di origini Bulgare che attualmente abita il fabbricato che dovrà essere demolito in prossimità della nuova rotonda della bretella che sorgerà presso il monumento ai caduti all’ingresso di Meldola. Cita poi la discussione avvenuta in un precedente Consiglio Comunale nel 2006 in cui si era riportato l’accordo tra Provincia e Cicognani (proprietà del fabbricato in questione).
Ghetti riprende il discorso sull’inquilino del fabbricato da demolire di proprietà Cicognani (di cui sopra) e richiede chiarimenti circa quanto comunicato dal sindaco in occasione di precedente Consiglio Comunale in cui lo stesso riportava che non ci sarebbero state spese in carico all’amministrazione per la disponibilità del fabbricato mentre l’accordo con l’inquilino stesso mette a carico dell’amministrazione i maggiori oneri di 250€ per circa 72 mensilità. Nell’analisi Ghetti ha trovato una comunicazione protocollata ed indirizzata al Sindaco precedente al Consiglio Comunale del 2006 in cui il Sindaco stesso aveva riferito che ancora nulla si sapeva sugli inquilini e proprio di queste cose chiede chiarimento scritto che poi il Sindaco rimanda al prossimo Consiglio.

Si passa successivamente all’ordine del giorno:

COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE
Viene riportata una variazione di Bilancio relativa ad operazioni 2006 (maggior parte – 19.500€ circa per Ill. Pubblica in favore di Hera; circa 5.000 € per incarichi esterni per censimento fabbricati agricoli, ecc.)

APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECEDENTE (28/12/2006)
Viene approvato con astensione dei consiglieri Ghetti e Bandini che non hanno avuto tempo di leggerlo.

Viene anticipato nell’ODG il punto seguente
PIANO DELLE MANIFESTAZIONI PER LE CELEBRAZIONI DEL 150° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI FELICE ORSINI
Il Presidente del comitato per la celebrazione (Stelio De Carolis) spiega che le celebrazioni partiranno da Imola il 08/02/08 e fine il 02/06/2008 e saranno suddivisi gli eventi con il Comune di Imola. Si susseguiranno diversi docenti e professori universitari ed anche alcuni insigni Meldolesi in una serie di incontri ricompresi nel periodo a cui seguiranno concerti e mostre. Verrà coniata medaglia celebrativa per l’occasione ed evidenzia le importanti adesioni già pervenute al progetto. L’approvazione dell’operato è all’unanimità del Consiglio.

Il sindaco richiede di trattare i due successivi punti all’Od.g. insieme
RELAZIONE DEL SINDACO E DELL’ASSESSORE AL BILANCIO IN MERITO ALL’ATTRIBUZIONE DEGLI INCENTIVI I.C.I. E VERIFICA COLLEGIALE SULLE PRESUNTE IRREGOLARITÀ NELLE PROCEDURE ADOTTATE –
O.D.G. PRESENTATO DAI CONSIGLIERI COMUNALI BANDINI, GHETTI, BRANCHETTI E PASINI – RICHIESTA DI SOSPENSIONE DELLE LIQUIDAZIONI DEGLI INCENTIVI I.C.I. – REVISIONE DEI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEL FONDO E DEFINIZIONE NUOVE LINEE DI INDIRIZZO –
Tesei Roberto precisa che l’ufficio tributi è più che efficiente e risottolinea gli importanti recuperi raggiunti (800.000€ nel periodo) che hanno risparmiato altre tasse. Sottolinea come il regolamento ICI del Comune all’articolo 21 prevede la possibilità di riconoscere “compensi incentivanti al personale addetto”, ribadisce che la Comunità Montana ha stabilito il range di percentuali incentivanti (dallo 0,3 allo 0,9% per il gettito ordinario e dal 3 all’8% sul recupero dell’evasione). Per questi motivi il Comune ha scelto quel incentivo all’ufficio tributi all’interno di questi limiti lo 0,8% sul gettito ordinario e il 5% sull’evasione (stando all’interno appunto dei range concessi), le stesse percentuali sono poi state comunicate nel 2004 alla “commissione trattante” e quindi al sindacato dei lavoratori.Bandini evidenzia che le percentuali scelte dal Comune sono le più alte del comprensorio, in particolar modo la percentuale sul gettito ordinario che contribuisce per i 2/3 al cumulo del premio per l’ufficio tributi. Richiede pertanto di sospendere gli incentivi e rivedere comunque le percentuali stabilite inizialmente.
Branchetti evidenzia come, a seguito di analisi generale, tra indennità ed incentivi oltre 100.000 € vengono destinati ai dipendenti/dirigenti comunali e auspica una seria riflessione sulla suddivisione degli stessi. Rileva come il trattamento economico sia diversificato tra i dirigenti e chiede se vi siano casi di incompatibilità ambientali e giuridici di alcuni di loro. Rileva anche come, dal 2003, non siano più pagate indennità di risultato chiedendone la ragione.
Ghetti rileva come la scelta politica delle percentuali non sia unicamente in capo al Sindaco ed esorta gli altri consiglieri di maggioranza a spiegare la loro opinione.
De Socio elogia il gruppo ed evidenzia come ci si sia comportati a norma di legge, eventualmente si potranno successivamente rivedere le percentuali ma ribadisce la condivisione delle scelte fatte.
Fabbri prima fa un preambolo critico su un volantino della destra particolarmente critico sul suo partito (Rifondazione comunista) poi, entrando in argomento, riporta come la scelta della percentuale di incentivazione corrisponda alla legge ed evidenzia come, abbassando le percentuali troppo “particolaristiche” auspicando una revisione delle scelte fatte a suo tempo, si potrebbe calare l’incidenza ICI sui cittadini e magari anche rimodulare l’IRPEF.
Tesei risottolinea come la scelta sia a norma di legge e come la commissione trattante ne sia stata portata a conoscenza e sia anche d’accordo. Ribadisce come sia giusto che l’Amministrazione accetti consigli e lui è apertissimo ad ogni modifica. Ribadisce come a suo tempo la giunta ritenne congrua la percentuale. Evidenzia come sia prevista la formazione, entro il 30/03/07, di un comitato di valutazione dei dipendenti e Dirigenti ribadendo che le diversità di trattamenti tra questi ultimi dipendano dal numero di collaboratori e dalle mansioni assegnate.
Pantoli evidenzia come la scelta di mantenere all’interno dell’ufficio tributi i compiti di verifica e controllo siano dovuti ai forti risparmi che si ottengono rispetto all’affidare all’esterno questo compito; ricorda nuovamente come nel 1990 venne affidato un incarico ai privati per il recupero dell’ICI e di come, a fronte di un recupero di 1 miliardo di lire, 300 milioni andavano a compensare il servizio (30% del totale). Ribadisce come il regolamento ICI e la normativa in materia per la scelta della percentuale di incentivo sia stata rispettata. La percentuale alta è stata scelta da Meldola per la prima fase di riscossione ed ora che la prima fase si può dire conclusa si potrà rivedere di comune accordo la percentuale stessa. Evidenzia come già nel 2004 i capigruippo conoscessero l’entità dei premi e ritiene strumentale lo scandalo sollevato ora. Sottolinea come i soldi non siano ancora stati distribuiti ai dipendenti (in quest’anno dovrebbero essere distribuiti i proventi del 2004 ed a seguire fino a distibuire i proventi del passato 2006 nell’anno 2009). Riconosce poi a Tesei l’autorità di trattare con i sindacati.
Branchetti e Bandini ribadiscono il loro già citato punto di vista e sollecitano nuovamente le riduzioni delle percentuali incentivanti sul gettito ordinario. Branchetti auspica l’applicazione dell’articolo 17 del regolamento comunale e l’istituzione della “commissione per la verifica delle procedure”
Il Sindaco comunque rievidenzia nuovamente come la scelta di non affidarsi ai privati fatta successivamente all’esperienza degli anni 90 sia stata lungimirante e ci abbia dato un Ufficio Tributi e personale qualificato e giustamente da premiare e notevolmente più economico di altre soluzioni
L’ODG sulla sospensione degli incentivi ICI viene messo al voto con 4 favorevoli (Ghetti-Bandini-Branchetti- Fabbri) e 11 contrari

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” SULLA ISTITUZIONE DI UN REGISTRO DELLE UNIONI CIVILI –
Fabbri chiede che venga isituito il registro delle unioni civili senza nulla togliere alle famiglie ma nel profondo rispetto delle minoranze conviventi.
Pantoli rileva il punto all’odg come copiato dall’ODG di Padova e come non sufficentemente chiaro e richiede chiarimenti sulle intenzioni di Rifondazione: si punta all’attestazione di famiglia anagrafica o ad uno specifico registro delle unioni civili? Evidenzia come per l’argomento la città di Firenze abbia dovuto modificare il regolamento Comunale per fare accedere i conviventi all’assegnazione delle case popolari. Emenda poi l’ODG di rifondazione richiamandosi in diversi punti al decreto legge nazionale sui “DI.CO”
Bandini legge poi un’articolo del Corriere della Sera sull’argomento che fondamentalmente è contrario perché già ora nulla vieta le convivenze e gli accordi fra le persone conviventi
Ghetti condivide il voto contrario di Bandini pur con motivazioni diverse
Branchetti manifesta l’intenzione di astenersi
Petrini legge poi le dichiarazioni del segretario UDEUR del febbraio 2006 che rivendica la libertà di pensiero e voto dei propri parlamentari su questo argomento arrivando anche a non sottoscrivere le poche righe citate sul programma dell’unione proprio sui PACS. Manifesta pertanto l’intenzione di votare contro sia all’emendamento che all’ODG di Fabbri. Pantoli richiede una pausa per un confronto del gruppo di maggioranza.
Zucchi (Margherita) successivamente manifesta intenzione di votare contro nell’attesa che la legge nazionale veda la nascita.
Alla votazione dell’emendamento si hanno;

9 favorevoli, 4 contrari (Petrini+Ghetti+Bandini+Zucchi), 1 astenuto (Branchetti); per il punto all’ODG un favorevole (Fabbri) 9 contrari ed 1 astenuto (Branchetti).

Continuera in una successiva discussione

Saluti radiosi

L’acqua in bottiglia …. “Mettiamola fuori legge”

Finalmente un’altra iniziativa intelligente denominata “Mettiamola fuori legge” e lanciata da Altreconomia che chiede di limitare l’invadenza della pubblicità delle acque minerali in bottiglia. Si legge sul testo che

“Oggi le acque minerali sono uno dei maggiori inserzionisti pubblicitari in Italia: per convincerci a comperare “l’acqua da bere” nel 2005 gli imbottigliatori hanno acquistato spazi pubblicitari per 379 milioni di euro. Perche’ tanto sforzo? L’acqua in bottiglia ha un concorrente formidabile, che e’ l’acqua degli acquedotti: buona (poche le eccezioni), controllata (piu’ dell’acqua in bottiglia, come hanno dimostrato diverse inchieste), comoda (arriva in casa), e poco costosa. Se le acque minerali non fossero sostenute da una pubblicita’ martellante, nessuno o pochi sentirebbero il bisogno di comperarle. Di fatto l’acqua in bottiglia fa concorrenza a un bene comune, lo ha riconosciuto anche l’Antitrust nel 2005 nel caso “Mineracqua contro Acea”. Solo che le forze in campo sono impari: contro i 379 milioni di euro che l’industria spende per sostenere l’acqua in bottiglia, gli acquedotti non investono una lira per pubblicizzare il proprio servizio. Senza pensare di ridurre la liberta’ di produrre e vendere acqua minerale, non si potrebbe invece legittimamente pensare di limitarne l’invadenza pubblicitaria?”

Firmiamo l’appello numerosi!!!!

Simpaticissimo anche questo filmato, si tratta di un breve dialogo tra gocce d’acqua, l’una “corrente” e l’altra venduta in bottiglia, prodotto con l’utilizzo di una nota pubblicità allo scopo di aiutare a riflettere contro la commercializzazione dell’acqua, che va invece intesa come bene comune. E’ stato prodotto dagli Amici di Beppe Grillo di Napoli.

Inoltre per chi vuole un po’ di informazioni in più e, magari, da uno studioso di questa materia che ha approfondito le implicazioni dell’acqua stia in orecchio e libero il 21/03/2007 …. Gli inGASati stanno organizzandolo un incontro a Forlì …. maggiori informazioni prossimamente…

Saluti radiosi

L’acquisto a rate???!!!

Oramai si riesce ad acquistare a rate di tutto, anche le vacanze. La pubblicità di questi acquisti è subdola e mascherata bene e messa in modo da farci capire poco (per non dire nulla).

Consiglio caldamente la lettura di questo articolo di altroconsumo perchè molto ben fatto. Cura soprattutto le autovetture ma potrebbe tranquillamente ribaltarsi ad altri servizi. Anche Grillo ha scoperchiato il vaso di pandora (se ne avete voglia provate a leggervi qualche commento, c’è da starsene svegli una notte!!!) ed ha provato anche a farci su un filmatino, crudamente simpatico come suo genere ma occorre rifletterci su … soprattutto in quanto dice il direttore generale di ABI (associazione Bancaria Italiana)
Visto che facciamo leggi veramente inutili per me dovrebbe essere varata una legge immediatamente che proibisca il finanziamento al consumo per beni voluttuari. Credete che mai la faranno?

Se, come me, la credete impossibile una legge del genere spero che comunque non cadrete in un acquisto a rate …. non rinnegando le mie origini contadine preferisco pensare che sia meglio attendere di avere i soldi prima di acquistare una qualsiasi cosa. Lasciamo le rate agli acquisti di case!!!

Mi raccomando!!!
Saluti radiosi