Decimo anniversario!!!

Oggi sono trascorsi esattamente 10 anni da uno dei tre giorni più belli della mia vita … LE NOZZE!!!

Erano giornate perturbate climaticamente tant’è che la mattina stessa il collega che mi doveva prestare l’auto d’epoca decapotabile diede forfait e dovetti organizzarmi con un amico che aveva una SAAB anch’essa cabriolet, poi al primo pomeriggio passai da via Aldo Moro, feci salire mia moglie traendola a forza da casa dei suoi (dai che scherzo, era consenziente!!!)  e insieme andammo alla chiesa dove ci aspettavano amici e parenti nel miglior modo possibile … puntuali!!!

Era abbastanza anomala la puntualità ad un matrimonio ma … da una Dottoressa in Economia e Commercio e da un cugino del parroco che celebrava la cerimonia (quindi potevo effettivamente subire tutti gli improperi per eventuali ritardi) non poteva andare diversamente!!!

Lasciai la macchina cabrio proprio davanti alla chiesa ma poi durante la cerimonia il rovescio pazzesco che si verificò impose che qualcuno l’andasse a chiudere (volete che lasci li mia moglie da sola proprio in mezzo alla funzione??? 🙂

Testimoni di nozze erano: Omar e Stefania (miei grandi amici) per Barbara, e mio fratello e mia sorella per me …. Il massimo che si poteva chiedere.

Io e Barbara abbiamo anche letto con voci tremolanti e carichi di emozione. Ricordo ancora la lettura che insieme avevamo scelto era quella della costola di Adamo da cui nasceva Eva .

Una cerimonia accompagnata anche dal violino e dall’organo di cui ricordo l’emozione ancora adesso con la gocce agli occhi nel momento in cui suonarono l’Ave Maria, io e Barbara vicini che ci scambiavamo sorrisi e che ci univamo sempre più indissolubilmente … NON OSI SEPARARE L’UOMO CIO’ CHE DIO UNISCE.

Uscimmo che lo scroscio era passato ma l’acqua continuava a cadere dalle piante.

Eravamo MARITO E MOGLIE.

Una vita, un amore, il mio sei tu cara Barbara.

Saluti radiosi

Le sorti di www.romeogiunchi.net

E’ un pò che non mi esprimo più sul mio blog, quello dei meldolesi ed anche in parte l’impegno agli inGASati mi ha parecchio ridotto i tempi e purtroppo stò trascurando la prima creatura che mi aveva avviato ai blog.

Penso che a questo punto renderò il mio blog più dedicato a pensieri personali e all’espressione dell’interiorità perchè le altre passioni e attenzioni pubbliche le lascerò ai sopracitati; inoltre tornerò a seguire (quando posso) i miei colleghi. Sicuramente avrò cadenze molto rade … ma così stresserò meno 🙂
Detto questo immagino che in pochi saranno rimasti a leggermi pertanto i miei scritti saranno soprattutto una sorta di mio diario on-line affinchè chi leggerà possa farsi un’idea di chi c’è veramente dietro il mio nome e cognome e qualcosa che magari un giorno i miei nipoti leggeranno facendosi quattro risate sui viaggi che si faceva il loro bis-tris-…nonno!!!
Purtroppo in questi giorni una ristrutturazione aziendale sta rimettendo in discussione la mia permanenza a Lugo dove, onestamente, ho passato oltre tre anni fantastici con colleghi veramente unici.

L’essere umano è portato ad essere naturalmente resistente al cambiamento ed io non sono certo da meno anche se sono conscio che ogni cambiamento renda veramente frizzante la vita e ne faccia apprezzare veramente ogni singolo istante.

Non so bene che succederà ne come sede di lavoro ne come ruolo ma certamente c’è la mia massima disponibilità ad ogni sorta di decisione; ultimamente sto leggendo la raccolta di esperienze che tante persone (non solo ragazzi) hanno lasciato sul blog di Grillo: Schiavi Moderni ed onestamente mi sento veramente un baciato dalla fortuna, comunque andrà a finire.

Certo è che dovrò comunque iniziare a pensare anche al futuro dei miei figli perchè leggendo quelle storie e guardandoli un po (tanto) mi vergogno di non aver fatto nulla per evitare che tanti anni di dure lotte sindacali siano stati semplicemente cestinati con un verso di gallina prima (co.co.co.) e con un verso forse peggiore poi (co.co.pro.)
A questo punto, vista l’ora passo e chiudo e … mi vado a letto!!!

Saluti radiosi