Il consiglio comunale del 29/03/2007

Purtroppo mi sono perso il Consiglio Comunale in oggetto che tra i punti all’ordine del giorno ne aveva qualcuno di veramente interessante.

Spero che qualcuno possa rendere un minimo di informazioni al riguardo e possa spiegare ad esempio cosa è stato detto sulla demolizione dell’ex macello (che dovrebbe rientrare nelle variazioni di bilancio in discussione) e sul Consiglio Comunale aperto sul frantoio di Cà Baccagli.

Ho già mandato una mail all’ufficio relazioni con il pubblico del Comune di Meldola per avere informazioni circa la mailing list …. come si può capire sono fermamente convinto che l’informazione sia tutto e sia bene che i cittadini siano educati ad andarsi ad informare cercando di capire cosa viene deciso su di noi e sul nostro territorio. Il voto non è una delega in bianco!

Comunque grazie a Samuele che mi aveva segnalato la data … peccato che non ci abbia fatto particolarmente caso .

Saluti radiosi

Resoconto Consiglio Comunale di Meldola del 20 febbraio 2007 – 2^ Parte

Continua dall’articolo precedente

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA RELATIVO AD UN COMPARTO C2 IN VIALE DELLA REPUBBLICA – VIA DELLA RESISTENZA – APPROVAZIONE PROGETTO E SCHEMA DI CONVENZIONE
Si tratta della lottizzazione “Bendi”, siccome l’ODG è già passato in commissione  non se ne dà lettura.
Bandini rileva al Presidente della Commissione che il verbale non riporta informazioni esaurienti, vengono citati chiarimenti richiesti da alcuni capigruppo e non è verbalizzato che tipo di chiarimenti e nemmeno le risposte che sono state date.
Biserni spiega che i chiarimenti erano circa la presenza o meno di richiesta di monetizzazione di spazi di parcheggio e che la risposta è stata negativa. Nell’area sorgeranno villette a schiera e condomini alti non oltre gli 8,50 metri ed in numero complessivo di 30/35 alloggi. Sottolinea come si approvi solo la lottizzazione e non i singoli complessi.
Si sono avuti 12 favorevoli e 2 astenuti (Ghetti e Bandini)

MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSIGLIARE “LA TUA MELDOLA” PER CREAZIONE MAILING LIST FINALIZZATA ALL’INOLTRO DI AVVISI DI CONVOCAZIONE DEL C.C. E COMUNICAZIONI VARIE
Branchetti spiega velocemente l’intenzione e i costi risibili vista la struttura già presente.
Pantoli sottolinea come sia importante continuare anche i consueti mezzi di comunicazione e che questa affianca solo gli stessi.
Viene votata all’unanimità dai presenti!!!

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” PER SPERIMENTAZIONE NEL TERRITORIO MELDOLESE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON IL SISTEMA “PORTA A PORTA”
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Pantoli sottolinea come già nel 2005 si era votata l’intenzione di accellerare il decreto Ronchi che prevedeva anche il porta a porta; presenta un ODG alternativo a quello di rifondazione.
Bandini chiede comunque un periodo di sperimentazione ed un’approfondita analisi economica dei benefici per i cittadini spiegando che se non ci sono ritorni economici non c’è nemmeno interesse.
Fabbri chiede un incontro dei capigruppo per valutare possibili unioni dei due ODG, in poco riescono a trovare le correzioni e il testo finale viene votato all’unanimità.

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” SUL DIRITTO DI AUTODETERMINAZIONE DEL POPOLO VICENTINO SULLA COSTRUZIONE (OSSIA IL RADDOPPIO) DELLA BASE MILITARE DI VICENZA
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Branchetti presenta due emendamenti per appoggiare in particolar modo il referendum tra i cittadini e spiega anche che i cittadini vicentini non sono tutti contro la base bensì sono divisi sulla scelta dell’ampliamento.
Bandini rileva l’ipocrisia della manifestazione contro l’allargamento appoggiata anche da chi sta al governo e appoggia completamente il governo sulla scelta di concedere l’autorizzazione agli americani. Presenta così un proprio ODG
Pantoli presenta anch’esso un ODG su questo argomento
Coveri rivela che la base non era nel programma dell’Unione e lui perlomeno richiederebbe che la base stessa venga passata alla disponibilità di forze europee. Lui ha partecipato alla manifestazione e non ha rilevato clima anti/Prodi e manifesta intenzione di astenersi.
Drudi evidenzia la necessità di rispettare le volontà del Consiglio Comunale Vicentino e, da pacifista, richiede il rispetto della posizione di tutti.
De Socio richiama anche la delicata questione dell’Iran e condanna con forza i centri sociali che hanno simpatizzato con i brigatisti arrestati recentemente. Ribadisce a più riprese che la “Sfilata” non và condannata e nemmeno legittimata
Ghetti ribadisce di stare con gli americani e che voterà  favore dell’ODG di Bandini
Votazioni:
ODG Bandini: 9 voti a favore 2 contrari (Fabbri e Coveri) 1 astenuto (Branchetti)
Emendamenti di Branchetti: 1 a favore 12 contrari e 1 astenuto
ODG Pantoli: 9 faorevoli 3 contrari e 2 astenuti
ODG Fabbri: 3 favorev. 9 contrari e 1 astenuto

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” SULLA ISTITUZIONE DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Drudi  presenta altro ODG in favore della legge attualmente in gestazione proprio su questo aspetto.
Ghetti rileva come l’ODG di Rifondazione preveda un rappresentante degli stranieri in seno al consiglio con diritto di parola e rileva come l’anomalia sia grave proprio perché una possibilità del genere non è data nemmeno ai residenti.
Rifondazione ritira il proprio ed appoggia l’ODG di Drudi
Votazioni 10 favorevoli, 1 contrario (Ghetti) e 1 astenuto (Branchetti)


LEGGE 30/12/2004 N. 311 (LEGGE FINANZIARIA 2005) ART. 1 COMMA 336 E 337: DEFINIZIONE AGEVOLATA PER AGGIORNAMENTO SPONTANEO DEI CLASSAMENTI CATASTALI DIRETTAMENTE DA PARTE DEI CONTRIBUENTI.

Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Fabbri presenta sommariamente e, messo ai voti, si hanno 9 favorevoli

O.D.G. PROPOSTO DAL GRUPPO CONSIGLIARE “CENTRO SINISTRA INSIEME PER MELDOLA” SU – “COSTRUZIONE DELLA PACE” –
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
De Socio illustra la chiara linea di questo governo che ha ritirato le truppe dall’Irak; ha assunto un importante ruolo di pacificazione in Libano; ha richiesto moratoria per la pena di morte  e quindi è implicito e fondamentale un impegno della Giunta in questo senso.
Bandini esorcizza il concetto di pace leggendo un brano che evidenzia alcuni “sott’intesi” pacifisti ed evidenzia la gravità dei rilievi mossi recentemente dai 6 ambasciatori  stranieri nei riguardi della posizione Italiana sull’argomento. In disaccordo sulla linea della maggioranza afferma di restare contrario ad ogni ODG che la stessa propone in cui viene riportata la parola “Pace”.
Fabbri pur apprezzando lo sforzo pacifista dà l’intenzione di astenersi
Pantoli evidenzia come la multilateralità sia un’importante affermazione volta alla pace dei popoli
Votazione: 9 favorevoli – 2 contrari (Ghetti e Bandini)

O.D.G. PROPOSTO DAL GRUPPO CONSIGLIARE “CENTRO SINISTRA INSIEME PER MELDOLA” SU – VALORIZZAZIONE COMMERCIALE E MIGLIORAMENTO ARREDO URBANO DEL CENTRO STORICO –
Zucchi legge l’ODG evidenziando il contributo offerto dalla Regione di circa 180.000€ per la manutenzione del centro storico.
Ghetti e Bandini sottolineano i notevoli disagi vissuti dai commercianti durante ai lavori
Messo in votazione i 10 consiglieri presenti sono tutti a favore

O.D.G. PROPOSTO DAL GRUPPO CONSIGLIARE “CENTRO SINISTRA INSIEME PER MELDOLA” SU  GRAVISSIMI FATTI DI CATANIA –
Non viene letto il testo dell’ODG su accordo comune
Vengono condannati i gravi fatti di Catania apprezzando gli impegni delle società sportive, si ribadisce solidarietà alle forze dell’ordine.
Bandini emenda su alcuni punti l’ODG.
Fabbri condivide l’ODG presentato e chiede un minuto di silenzio in ricordo di Raciti e per le 1200 vittime di infortuni sul lavoro mortali ogni anno; silenzio che viene immediatamente attuato.
Branchetti condivide e riporta l’esempio degli americani che, nei loro stadi, non hanno barriere ne problemi particolari di ordine pubblico; riporta che la violenza là è comunque più diffusa nella vita civile e sociale normale.
Votazioni:
All’emendamento di Bandini si hanno due favorevoli, 10 contrari e 1 astenuto
All’ODG tutti favorevoli

Alle 02:40 si chiudono i lavori del Consiglio …

Saluti radiosi

Resoconto Consiglio Comunale di Meldola del 20 febbraio 2007 – 1^ Parte

Con doverosa premessa e consiglio di leggere il precedente post che spiega le mie intenzioni preciso che l’ordine del giorno del Consiglio di cui al titolo lo trovate quì

Assenti all’Assise sono Fabbrica Gabriele e Pasini Giovanni
Si parte attorno alle 08:50 con alcune interpellanze, sinteticamente:
Bandini: Ultimamente la Polizia Municipale non era presente a due funerali per il normale servizio di accompagnamento; inoltre nella locale sede dei Vigili Urbani manca un fax. Inoltre si fa portavoce della segnalazione della Pro-loco locale circa l’assenza di spazio dedicato sul giornale predisposto dall’amministrazione e che arriva nelle case di ogni cittadino.
Fabbri richiede chiarimenti circa i recenti articoli apparsi nella stampa un trasferimento di un deposito bituminoso dall’aereoporto di Forlì alla frazione S.Colombano; il sindaco tranquillizza circa l’intenzione di non autorizzare tale installazione.
Branchetti esprime perplessità circa l’accordo tra il Comune di Meldola e la famiglia di origini Bulgare che attualmente abita il fabbricato che dovrà essere demolito in prossimità della nuova rotonda della bretella che sorgerà presso il monumento ai caduti all’ingresso di Meldola. Cita poi la discussione avvenuta in un precedente Consiglio Comunale nel 2006 in cui si era riportato l’accordo tra Provincia e Cicognani (proprietà del fabbricato in questione).
Ghetti riprende il discorso sull’inquilino del fabbricato da demolire di proprietà Cicognani (di cui sopra) e richiede chiarimenti circa quanto comunicato dal sindaco in occasione di precedente Consiglio Comunale in cui lo stesso riportava che non ci sarebbero state spese in carico all’amministrazione per la disponibilità del fabbricato mentre l’accordo con l’inquilino stesso mette a carico dell’amministrazione i maggiori oneri di 250€ per circa 72 mensilità. Nell’analisi Ghetti ha trovato una comunicazione protocollata ed indirizzata al Sindaco precedente al Consiglio Comunale del 2006 in cui il Sindaco stesso aveva riferito che ancora nulla si sapeva sugli inquilini e proprio di queste cose chiede chiarimento scritto che poi il Sindaco rimanda al prossimo Consiglio.

Si passa successivamente all’ordine del giorno:

COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE
Viene riportata una variazione di Bilancio relativa ad operazioni 2006 (maggior parte – 19.500€ circa per Ill. Pubblica in favore di Hera; circa 5.000 € per incarichi esterni per censimento fabbricati agricoli, ecc.)

APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECEDENTE (28/12/2006)
Viene approvato con astensione dei consiglieri Ghetti e Bandini che non hanno avuto tempo di leggerlo.

Viene anticipato nell’ODG il punto seguente
PIANO DELLE MANIFESTAZIONI PER LE CELEBRAZIONI DEL 150° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI FELICE ORSINI
Il Presidente del comitato per la celebrazione (Stelio De Carolis) spiega che le celebrazioni partiranno da Imola il 08/02/08 e fine il 02/06/2008 e saranno suddivisi gli eventi con il Comune di Imola. Si susseguiranno diversi docenti e professori universitari ed anche alcuni insigni Meldolesi in una serie di incontri ricompresi nel periodo a cui seguiranno concerti e mostre. Verrà coniata medaglia celebrativa per l’occasione ed evidenzia le importanti adesioni già pervenute al progetto. L’approvazione dell’operato è all’unanimità del Consiglio.

Il sindaco richiede di trattare i due successivi punti all’Od.g. insieme
RELAZIONE DEL SINDACO E DELL’ASSESSORE AL BILANCIO IN MERITO ALL’ATTRIBUZIONE DEGLI INCENTIVI I.C.I. E VERIFICA COLLEGIALE SULLE PRESUNTE IRREGOLARITÀ NELLE PROCEDURE ADOTTATE –
O.D.G. PRESENTATO DAI CONSIGLIERI COMUNALI BANDINI, GHETTI, BRANCHETTI E PASINI – RICHIESTA DI SOSPENSIONE DELLE LIQUIDAZIONI DEGLI INCENTIVI I.C.I. – REVISIONE DEI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEL FONDO E DEFINIZIONE NUOVE LINEE DI INDIRIZZO –
Tesei Roberto precisa che l’ufficio tributi è più che efficiente e risottolinea gli importanti recuperi raggiunti (800.000€ nel periodo) che hanno risparmiato altre tasse. Sottolinea come il regolamento ICI del Comune all’articolo 21 prevede la possibilità di riconoscere “compensi incentivanti al personale addetto”, ribadisce che la Comunità Montana ha stabilito il range di percentuali incentivanti (dallo 0,3 allo 0,9% per il gettito ordinario e dal 3 all’8% sul recupero dell’evasione). Per questi motivi il Comune ha scelto quel incentivo all’ufficio tributi all’interno di questi limiti lo 0,8% sul gettito ordinario e il 5% sull’evasione (stando all’interno appunto dei range concessi), le stesse percentuali sono poi state comunicate nel 2004 alla “commissione trattante” e quindi al sindacato dei lavoratori.Bandini evidenzia che le percentuali scelte dal Comune sono le più alte del comprensorio, in particolar modo la percentuale sul gettito ordinario che contribuisce per i 2/3 al cumulo del premio per l’ufficio tributi. Richiede pertanto di sospendere gli incentivi e rivedere comunque le percentuali stabilite inizialmente.
Branchetti evidenzia come, a seguito di analisi generale, tra indennità ed incentivi oltre 100.000 € vengono destinati ai dipendenti/dirigenti comunali e auspica una seria riflessione sulla suddivisione degli stessi. Rileva come il trattamento economico sia diversificato tra i dirigenti e chiede se vi siano casi di incompatibilità ambientali e giuridici di alcuni di loro. Rileva anche come, dal 2003, non siano più pagate indennità di risultato chiedendone la ragione.
Ghetti rileva come la scelta politica delle percentuali non sia unicamente in capo al Sindaco ed esorta gli altri consiglieri di maggioranza a spiegare la loro opinione.
De Socio elogia il gruppo ed evidenzia come ci si sia comportati a norma di legge, eventualmente si potranno successivamente rivedere le percentuali ma ribadisce la condivisione delle scelte fatte.
Fabbri prima fa un preambolo critico su un volantino della destra particolarmente critico sul suo partito (Rifondazione comunista) poi, entrando in argomento, riporta come la scelta della percentuale di incentivazione corrisponda alla legge ed evidenzia come, abbassando le percentuali troppo “particolaristiche” auspicando una revisione delle scelte fatte a suo tempo, si potrebbe calare l’incidenza ICI sui cittadini e magari anche rimodulare l’IRPEF.
Tesei risottolinea come la scelta sia a norma di legge e come la commissione trattante ne sia stata portata a conoscenza e sia anche d’accordo. Ribadisce come sia giusto che l’Amministrazione accetti consigli e lui è apertissimo ad ogni modifica. Ribadisce come a suo tempo la giunta ritenne congrua la percentuale. Evidenzia come sia prevista la formazione, entro il 30/03/07, di un comitato di valutazione dei dipendenti e Dirigenti ribadendo che le diversità di trattamenti tra questi ultimi dipendano dal numero di collaboratori e dalle mansioni assegnate.
Pantoli evidenzia come la scelta di mantenere all’interno dell’ufficio tributi i compiti di verifica e controllo siano dovuti ai forti risparmi che si ottengono rispetto all’affidare all’esterno questo compito; ricorda nuovamente come nel 1990 venne affidato un incarico ai privati per il recupero dell’ICI e di come, a fronte di un recupero di 1 miliardo di lire, 300 milioni andavano a compensare il servizio (30% del totale). Ribadisce come il regolamento ICI e la normativa in materia per la scelta della percentuale di incentivo sia stata rispettata. La percentuale alta è stata scelta da Meldola per la prima fase di riscossione ed ora che la prima fase si può dire conclusa si potrà rivedere di comune accordo la percentuale stessa. Evidenzia come già nel 2004 i capigruippo conoscessero l’entità dei premi e ritiene strumentale lo scandalo sollevato ora. Sottolinea come i soldi non siano ancora stati distribuiti ai dipendenti (in quest’anno dovrebbero essere distribuiti i proventi del 2004 ed a seguire fino a distibuire i proventi del passato 2006 nell’anno 2009). Riconosce poi a Tesei l’autorità di trattare con i sindacati.
Branchetti e Bandini ribadiscono il loro già citato punto di vista e sollecitano nuovamente le riduzioni delle percentuali incentivanti sul gettito ordinario. Branchetti auspica l’applicazione dell’articolo 17 del regolamento comunale e l’istituzione della “commissione per la verifica delle procedure”
Il Sindaco comunque rievidenzia nuovamente come la scelta di non affidarsi ai privati fatta successivamente all’esperienza degli anni 90 sia stata lungimirante e ci abbia dato un Ufficio Tributi e personale qualificato e giustamente da premiare e notevolmente più economico di altre soluzioni
L’ODG sulla sospensione degli incentivi ICI viene messo al voto con 4 favorevoli (Ghetti-Bandini-Branchetti- Fabbri) e 11 contrari

O.D.G. PROPOSTO DAL CONSIGLIERE COMUNALE FABBRI ENZO – GRUPPO CONSIGLIARE “SINISTRA EUROPEA – PARTITO COMUNISTA RIFONDAZIONE” SULLA ISTITUZIONE DI UN REGISTRO DELLE UNIONI CIVILI –
Fabbri chiede che venga isituito il registro delle unioni civili senza nulla togliere alle famiglie ma nel profondo rispetto delle minoranze conviventi.
Pantoli rileva il punto all’odg come copiato dall’ODG di Padova e come non sufficentemente chiaro e richiede chiarimenti sulle intenzioni di Rifondazione: si punta all’attestazione di famiglia anagrafica o ad uno specifico registro delle unioni civili? Evidenzia come per l’argomento la città di Firenze abbia dovuto modificare il regolamento Comunale per fare accedere i conviventi all’assegnazione delle case popolari. Emenda poi l’ODG di rifondazione richiamandosi in diversi punti al decreto legge nazionale sui “DI.CO”
Bandini legge poi un’articolo del Corriere della Sera sull’argomento che fondamentalmente è contrario perché già ora nulla vieta le convivenze e gli accordi fra le persone conviventi
Ghetti condivide il voto contrario di Bandini pur con motivazioni diverse
Branchetti manifesta l’intenzione di astenersi
Petrini legge poi le dichiarazioni del segretario UDEUR del febbraio 2006 che rivendica la libertà di pensiero e voto dei propri parlamentari su questo argomento arrivando anche a non sottoscrivere le poche righe citate sul programma dell’unione proprio sui PACS. Manifesta pertanto l’intenzione di votare contro sia all’emendamento che all’ODG di Fabbri. Pantoli richiede una pausa per un confronto del gruppo di maggioranza.
Zucchi (Margherita) successivamente manifesta intenzione di votare contro nell’attesa che la legge nazionale veda la nascita.
Alla votazione dell’emendamento si hanno;

9 favorevoli, 4 contrari (Petrini+Ghetti+Bandini+Zucchi), 1 astenuto (Branchetti); per il punto all’ODG un favorevole (Fabbri) 9 contrari ed 1 astenuto (Branchetti).

Continuera in una successiva discussione

Saluti radiosi

Il Consiglio Comunale si farà martedì 20/02/07

A rettifica di quanto comunicato in precedenza il Consiglio è stato spostato a martedì 20/02/07. Adesso è disponibile anche l’ordine del giorno e vedo, oltre al discorso mailig list un’altra cosa parecchio interessante .. il porta  a porta per i rifiuti.

Dire che sono molto interessato è dir poco!!! quindi ripristinati gli impegni del lunedì ed annullati quelli del martedì … non mancherò. Forse anche accompagnato da alcuni amici.

Chiunque vuol partecipare sà che può farlo … è un nostro dovere oltreché diritto!!!

Facciamo sentire la nostra presenza, è segno di attenzione e stimolo per i nostri Consiglieri, siano essi di maggioranza o di opposizione ed anche per il nostro Sindaco.
Saluti radiosi

Prossimo Consiglio Comunale del 19/02/2007

Ricevo da Samuele Branchetti (per la verità l’ho ricevuto il 04/02/2007) la segnalazione del prossimo Consiglio Comunale.

Spostata la lezione per il corso di alfabetizzazione informatica sarò pronto e bello carico per la verbalizzazione … non mi piace non manetenre fede agli impegni civici!!!

Ciao Romeo,
vi informo che la prossima seduta del Consiglio Comunale di Meldola è convocata per Lunedì 19 Febbraio ore 20:30. Verranno discussi innanzitutto, come richiesto da alcuni consiglieri di minoranza, i punti all’odg relativi all’attribuzione degli incentivi I.C.I. ai dipendenti dell’Ufficio Tributi del nostro Comune.
Seguirà la discussione di alcune delibere relative all’urbanistica e al programma di appuntamenti relativo alle celebrazioni per il 150° anniversario della morte di F.Orsini.
Si passerà quindi alla discussione della mozione presentata dal gruppo consigliare “La Tua Meldola” per la creazione di una mailing list finalizzata all’inoltro di avvisi di convocazione del Consiglio Comunale e comunicazioni varie.
Infine verranno discussi alcuni documenti (odg) presentati dal consigliere di Rifondazione Comunista.
A presto!

Spero di ritrovarvi numerosi … cominciamo a far sentire la nostra presenza … già il fatto di vederci potrebbe significare molto!!!

Per giunta vi allego anche la mozione che gentilmente Samuele mi ha mandato in anteprima … un importante segno che qualcuno ci ascolta (speriamo che la maggiornaza si esprima a favore!!!); comunque … vedremo come verrà trattata!!!!

Saluti radiosi

Consiglio Comunale del 28/12/2006 – parte 1

Con doverosa premessa e consiglio di leggere il precedente post che spiega le mie intenzioni preciso che l’ordine del giorno del Consiglio di cui al titolo lo trovate quì

Si parte alle 20:45 con le varie nelle quali il consigliere Ghetti suggerisce di valorizzare in qualche modo (magari con maxi-schermo) i ragazzi di Meldola che prossimamente parteciperanno al festival di Sanremo ma sembra che si dovrà proporlo in modo ufficiale per poter avere una risposta altrettanto ufficiale…

Il Consigliere Bandini lamenta che sulla rivista “Paese Mio” lo spazio riservato all’opposizione di destra sia piuttosto scarso e che la poesia che il suo gruppo aveva chiesto di pubblicare sia stata trasformata in prosa perdendo parte del significato originale.

Tralasciando i primi due punti all’ODG che praticamente nulla di interessante hanno apportato passiamo al terzo punto

INCARICO ISTRUTTORIO IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA’ AL CONSIGLIERE COMUNALE PAOLA ZUCCHI

Su questo diversi consiglieri dell’opposizione si sono espressi rammentando l’importanza della presenza femminile in Consiglio e di come lo stesso statuto Comunale all’articolo 5 ne tenga conto imponendo la presenza di almeno 1 donna (alla faccia delle pari opportunità, mi verrebbe da dire…). Comunque l’incarico viene votato all’unanimità.

SURROGAZIONE CONSIGLIERE COMUNALE DIMISSIONARIO SIG. EDGARDO MINGOZZI – IN SENO ALLE COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI – PRESA D’ATTO DESIGNAZIONE NUOVO CAPOGRUPPO –

Viene nominato Fabbri Enzo quale sostituto del dimissionario Edgardo Mengozzi con la sola sua astensione.

Viene poi deciso di presentare tutti punti dal 5 al 10 dell’o.d.g. e si parte subito con una relazione del Presidente dell’Istituzione Davide Drudi che per presentare gli obbiettivi 2007 spiega che per il 2006 è ormai consolidata la fornitura dei pasti a Civitella e, grazie al contenimento dei costi delle utenze, non si avranno aumenti nel buono pasto ai genitori. E’ stato invece spiegato l’aumento di 1 €/giorno per gli ospiti della casa di riposo (altre realtà aumentano di 2 €/giorno). Il Presidente ha menzionato anche l’importante lavoro svolto dal comitato mensa richiamando anche il convengo fatto da poco sul progetto attualmente in atto per la fornitura di verdure da agricoltura biologica locale. Per il 2007 si dovrà valutare il contributo della Regione Emilia Romagna che da indiscrezioni dovrebbe essere invariato permettendo così il rispetto del bilancio preventivo a meno di eccezzionalità, ha poi sottolineato come il volume di affari complessivo dell’Istituzione è di 6.900.000€ circa.

Il vice sindaco Tesei (con competenze al bilancio) enumera un pò il bilancio di previsione sottolineando come, per il secondo anno a fila, si riesca entro l’anno corrente a tracciare il bilancio per l’anno successivo. Ha premesso che il bilancio è stato fatto incontrando le rappresentanze locali sia sociali, che sindacali, che imprenditoriali per discutere del bolancio dei circa 5.000 euri. Come prima importante segnalazione c’è che la pressione fiscale non aumenterà per il 2007 (Aliquota IRPEF ed ICI) e come, per il primo anno da un pò di tempo, i trasferimenti statali non calano.

Il gettito ICI è considerato in 1.880 € mentre si considera un incasso di circa 100.000 euro sull’ICI e la TARSU recuperate da errori ed evasione. A questo proposito è stato segnalato come su 22 ricorsi aperti per i recuperi ICI, 21 siano stati vinti dal Comune.

Sul fronte spese a fronte dei 4.890.000 € circa il 29,6% và per il personale (con incremento del 4,25% principalmente per il rinnovo contrattuale). La spesa sociale (Scuola, attività sportive, anziani, sostengno all’handicap, ecc.) assorbe un altro 32,60% con un aumento rispetto al 2006 sulla scuola del 2,82%. A fronte di questi aumenti verrà calata la manutenzione delle strade (il totale delle strade comunali è circa 86 km) che verranno recuperati da maggiori investimenti sulla viabilità per 1.300.000 euro, verranno investiti 450.000 € sulla Scuola per nuova aula all’Istituzione Drudi per far fronte all’aumento dei bambini. Ulteriori 150.000€ verranno investiti tra scuole medie ed Elementari per migliorare efficenza energetica e 150.000€ dedicati al verde pubblico. 250.000 € dedicati all’edilizia convenzionata. 322.000 euri per la Rocca di Meldola e 350.00 per l’arena Hesperia. 275.000 per i cimiteri mentre 200.000 verranno dati all’Istituzione per la ristrutturazione del “corpo A”
E’ stato comunicato che l’area ex macello verrà spianata ed adibita a parcheggio, un altro parcheggio è previsto in via Cavour subito dopo le scuole Elementari.

Diciamo che quì finisce la relazione di Tesei e partono alcuni interventi dei vari consigliri che chiedono di intervenire.

Magari per non rendere la discussione troppo lunga e per avere tempo di raccogliere le idee rimando ad un successivo post il resto.

Saluti radiosi

I Consigli Comunali di Meldola

Con questa discussione voglio provare a spiegare un altro modo in cui intendo sfruttare questo strumento che è il blog; vorrei pertanto riportare un pò di quanto, umilmente e con tutti i miei tanti limiti, riesco a cogliere dalle discussioni nei Consigli Comunali a cui riesco a partecipare.

Non ho la pretesa che sia un’opinione univoca e nemmeno una fedele trascrizione di quanto viene detto ma solamente un riportare quello che ho capito ed annotato. Per me il primo fondamentale passo per riuscire a capire, o meglio, avvicinarsi un pò all’attuale politica è provare a “partecipare” il Consiglio Comunale.

Il Consiglio Comunale a meno che non sia aperto non permette commenti verbali da parte del pubblico ma è aperto alla cittadinanza per definizione quindi chiunque può parteciparvi; vi assicuro che anche senza il commento verbale si può tranquillamente trasmettere il proprio punto di vista (che comunque vale per quanto può ma che desta comunque l’attenzione). Mi piacerebbe che altri si unissero a questo mio tentativo e condividessero con me questo obbiettivo di iniziare a far uscire da quella stanza qualcosa che sia visibile e discutibile da tutti i cittadini e su cui poter poi successivamente dimostrare ai nostri politici eventuali dissensi o opinioni diverse e, soprattutto, fornire costruttivamente possibili aggiustamenti di rotta. Se non si vuole farlo nel mio blog personale sono dispostissimo ad aiutare qualsiasi altra iniziativa che vada in questa direzione.
Mio unico obbiettivo è non essere di parte dimostrandomi appunto “apartitico”; però non posso escludere che qualche opinione che mi aggrada possa sottolinearla maggiormente proprio perchè la ritengo più “vicina“; spero mi perdonerete di questo magari facendomi notare Vostri punti di vista, possibilmente urbanamente.

Ho già partecipato a svariati Consigli Comunali nell’anno 2006 riscoprendo la bellezza di partecipare ad un atto politico di fondamentale importanza in una democrazia; da più parti politiche ho sentito riportare, in Consiglio, l’importanza di avvicinare gli atti compiuti alla popolazione ma non ho assolutamente sentito alcuna proposta concreta. Ho perfino rivolto al Sindaco e ad altri Consiglieri qualche idea percorribile ma, a parte qualche invito al successivo Consiglio rivoltami da un Consigliere di opposizione, non ho appurato altri passi avanti.

Effettivamente la cosa più esasperante è il non conoscere in tempo reale le date dei Consigli, per farlo occorre passare dalla piazza e prestare attenzione alla presenza del manifesto pubblico che oramai ho imparato a riconoscere dai colori e dalla bacheca; purtroppo però a volte ci passo sovrappensiero o meglio non ci passo proprio dalla piazza e così …. non vengo a conoscenza nè posso pubblicizzare a conoscenti il Consiglio stesso.
Di seguito pertanto esprimo comunque qualche mia personale idea a suffragio della maggiore partecipazione alla vita Amministrativa/politica locale pregando di scusarmi per le eventuali banalità che vado a riportare:

  • Visto che l’informatica si và diffondendo sepre più nelle nostre case sarebbe auspicabile che si iniziasse a pubblicizzare i Consigli Comunali mediante una mailing list. Il Sindaco già avvisa di alcuni eventi particolarmente interessanti una lista di suoi conoscenti (fra i quali mi pregio essere incluso) quindi una base di indirizzi è già presente. Il passo è veramente minimo e, viste le attuali possibilità informatiche, addirittura gratuito. (resta comunque la necessità di dedicare all’aggiornamento della lista un dipendente che perda 1 ora al mese per la gestione della lista… si può fare???)
  • Visto che tutte le sedute sono registrate completamente penso che sarebbe veramente una quisquilia, nell’immediato, mettere in rete un file audio della registrazione dei Consigli; così facendo chi non può partecipare in diretta può sempre rendersi conto in differita di quanto discusso.
  • Infine si potrebbe poi installare qualche Web-Cam per chi vuol seguire i lavori magari standosene comodamente a casa; anche quì ritenendo che già il Comune sia dotato di collegamento a banda larga con i costi delle attuali Web Cam e dei microfoni ritengo il passo quasi percorribile vista anche la presenza di diverse aziende informatiche locali che sarebbero sicuramente in grado di approntare, impostare e attivare questo sistema con una spesa per me non superiore ai 3.000 euro ed una spesa di mantenimento inversamente proporzionale alle disponibilità e capacità degli attuali dipendenti comunali ….

Onestamente penso che per questi passi veramente serva pochissimo, solo la volontà di farlo … qualcuno avrà interessse a perorare questa causa??? non sò, ma penso che la speranza sia l’ultima a morire; tra l’altro qualcuno ha già fatto qualcosa di simile!!!

Saluti radiosi